Are Private Companies Ushering In An Age Of Guided Democracy?

The term ‘democracy’ refers to the system of government in which sovereignty is exercised, directly or indirectly, by all citizens who resort to a vote. But if anyone could control this consensus, it could of course no longer be called a democracy.

It would probably be called Guided Democracy, as defined by Nigel Oakes, who developed the secret weapon of Donald Trump – a democracy governed and managed by those who can manipulate consensus.

“Not everyone knows how to think big but almost everyone is attracted to who does it. That’s why a bit of hyperbole never hurts … […] I call it ‘hyperbole truthful’. It is an innocent form of exaggeration – and even more effective than promotion. ”

Donald Trump, The Art of the Deal

The Age of Guided Democracy?

This quote comes from Trump’s best-seller. The techniques used during Trump’s election campaign have been developed over recent decades by Nigel Oakes, a British citizen that define himself “a pioneer in the field of influence and soft energy”. These methods have not only had civil implications, but also military implications. They have been implemented by the Pentagon, NATO and ministries of different nations.

According to some Sole 24 Ore surveys, Nigel Oakes has been an extraordinary seller in recent decades and his company (Cambridge Analytica) has earned extraordinary profits. Cambridge Analytica was created by SCL Group (Strategic Communication Laboratories), whose techniques have been used in the past in the developing world to study and manipulate public opinion. For providing insight into the thinking of the audience it used  “psy-ops”, one of the methods developed.

SCL affirms that it has influenced elections in many countries, but it asserts that these techniques have been approved by the agencies of the United Kingdom and United States. Cambridge Analytica calls itself a behavioural research and strategic business communication company, defined as “a global election management agency”. They try to combine data mining, data analysis and strategic communication regarding the electoral process.

It was founded in 2013 by the billionaire family of Robert Mercer. In 2015 it started to work for Ted Cruz’s presidential campaign but the results wasn’t the expected one. In 2016 it decided to work on behalf of the pro-Brexit campaign, and for Trump’s campaign, receiving $ 16 million from the now-President. According to The Guardian, the Trump team has signed two more contracts with Cambridge Analytica. The first is to negotiate the image and consent to Trump’s administration, and the second to handle the private business of the President.

The Limit of Legality

What turns out to be really interesting is that the psychology and technology behind these techniques are at the limit of legality. They can be considered as misleading advertising in certain aspects, because they do not fully respect the privacy of consumers. In a time like this, where legislation is struggling to keep pace with social media and technology, it is very difficult to determine what the limits that should be imposed to protect citizens’ rights.

But how does manipulation of consensus work? This technique is based on Big Data. Though this is a broad term, it can mostly be boiled down to four aspects which are relevant here: volume, speed, variety and verity.

The first feature refers to the vast amount of information, particularly that which is stored through the Cloud and virtualisation. The second term refers to high speeds of data generation. Variety indicates the millions of data types that can be analysed. Finally, the last feature refers to the high reliability of these information.

Through these data, people are “catalogued” – not just regarding their preferences but psychological tendencies too. Through these data it is possible to influence, involve and anticipate an individual’s decisions.

The next step is the segmentation of citizens, and people who have similar traits are put together – a sort of market segmentation. The last step of this process is the persuasive communication that induces certain thoughts, feelings, emotions and, consequently, opinions and decisions.

A Murky Future

In this epoch, the epoch of social media, this strategy could not find a more fertile period. But, as Michal Kosinski, a social scientist that studies organisational behaviour at the business school of Sandford, argues: “there’s a thin line between convincing people and manipulating them.”

To go even further: Simon Moores, an expert on cybersecurity, argues: “Behavioural modelling involving big-data analytics has arguably passed an inflection point, thanks to the growth of predictive analytics, algorithms and big data-mining businesses you can now look forward to a future that’s made up of equal parts Orwell, Kafka, and Huxley.”

It seems that George Orwell’s prophecy is being accomplished. The doomsayers would seem relatively few, but it is important to bear in mind that such a thing was unimaginable in the past.

Matteo Spiller

The Italian Banking System: Have The New Reforms Worked?

In recent years, the Italian banking system has been subject to numerous reforms. The main ones are the reform of cooperative credit banks, the reform of popular banks, and the founding of bank foundations. In addition, the Guarantee on Securitization Securities (GACS) mechanism and a system for speeding up the recovery of claims have been introduced. These measures have strengthened and renewed the Italian banking system.

Government Intervention

The government has intervened in this discipline with three objectives: consolidating the banking system, reducing credit recovery times and setting new funding channels for banks. For the development of this latter goal, IVASS and the Bank of Italy have issued rules that allow new players to enter the credit market. Lastly, no deposit withholding is required on medium to long-term loans to all investors located in the European Union.

According to the analysis of the Ministry of Economy and Finance, the Italian banking system is solid and has been able to adapt to changes and withstand the spread of the financial crisis as it is unfurled in both the real estate sector and derivative financial instruments markets in other countries. In other words, it has demonstrated good resilience.

Bad Debt and Fragmentation

Despite this, the prolonged and profound financial crisis has worsened the amount of bad debt on bank balance sheets. This is the main problem facing Italian banks. However, it must be borne in mind that the coverage rates guaranteed by debtors are much higher than other EU countries.

Another problem is the excessive fragmentation and a high number of small banking entities. The reforms introduced to consolidate the banking system aim to facilitate the aggregation of small banking entities, so they are stronger and more transparent when supporting families and businesses.

To reduce the recovery time of claims, the telematic civil procedure and the business courts have been implemented to help bankruptcy reforms. All these interventions also favoured the re-valuation of impaired loans and their sale on the market.

What Next for the Italian Banking System?

In 2017, the total of the amount of bad debt is estimated to reach the pre-crisis level according to the Abi-Cerved outlook that was published in May 2016. One of the factors that are favouring this process is the economic recovery.

In the fourth quarter of 2015, gross impaired loans declined by €2bn for the first time since 2008, according to Bank of Italy estimates. At present, they amount to €360bn, whereas bad loans amount to €200bn, while the remaining €160bn corresponds to exposures where the counterparty is able to repay.

Also, most banks have already made the write-downs and allocations required in the financial statements. Guarantees and hedges of €122bn were provided for net debt of €122bn.

The reforms are therefore contributing to the improvement of the index that measures the profitability of the Italian system, in fact, this increased from 33.2 in 2014 to 47.8 in 2017. This analysis was carried out by the Italian Association of Foreign Banks and Censis on a panel composed of managers of multinational companies, law firms, qualified foreign press members and institutional investors.

Matteo Spiller

La globalizzazione e il rallentamento del commercio globale

#ROADTOINVEF

 

L’economia globale sembra ormai aver intrapreso un percorso accidentato, e la globalizzazione è sempre di più il capro espiatorio della crisi dei mercati.

 

Una visione storica d’insieme è stata oggetto di un report realizzato da Credit Suisse: secondo gli analisti l’economia mondiale ha attraversato due importanti ondate di globalizzazione. La prima iniziò nel 1870, con la rivoluzione industriale che accompagnò una forte crescita del commercio derivante dall’apertura del canale di Suez, fino allo scoppio della prima Guerra mondiale. La seconda ha avuto luogo con la caduta del muro di Berlino (1989), la fine della Guerra fredda, il processo di integrazione europea e l’affermazione della Cina come potenza economica e commerciale. Questa seconda ondata di globalizzazione ha subito una battuta d’arresto con la crisi finanziaria del 2008/2009, che ha causato un brusco stop alla crescita del commercio globale, gelando la crescita degli scambi, e il tutto si è intensificato lo scorso anno con il referendum sulla Brexit e la vittoria di Trump alle presidenziali americane. Nel 2016 gli scambi sono cresciuti addirittura meno dell’economia (+2,2%): è la prima volta che succede dal 2001 e la seconda dal 1982.

 

Secondo il Fondo Monetario Internazionale, la mancata conclusione di nuovi accordi commerciali e la ripresa del protezionismo di alcuni leader politici, insieme alla contrazione delle catene di fornitura e distribuzione delle merci, hanno sottratto alla crescita reale degli scambi mondiali 1,75 punti percentuali all’anno a partire dal 2012. “Evitare misure protezionistiche e rivitalizzare la liberalizzazione degli scambi – scrive l’Fmi – darebbe impulso al commercio di beni e servizi e quindi a cascata all’intera attività economica”.

 

Il premio Nobel per l’economia del 2015 Angus Deaton, sostiene in un’intervista che è sbagliato e, soprattutto, pericoloso considerare la globalizzazione come il capro espiatorio dell’attuale decrescita dell’economia mondiale. Se, infatti, si guarda anche a una prospettiva di lungo periodo, non si possono non evidenziare gli straordinari risultati che la crescita economica ha prodotto in tutto il mondo: riduzione della povertà globale per un miliardo di persone, crescita del reddito, maggiori aspettative di vita, migliori condizioni di salute e più elevati livelli di istruzione.

 

Ma oggi nessun leader politico globale è disposto a difendere la globalizzazione. Non lo è la nuova premier britannica Theresa May e non lo è certamente Donald Trump, che ha tra i suoi punti più chiari la rinegoziazione del North American Free Trade Agreement (Nafta), ossia l’accordo di libero scambio che coinvolge Stati Uniti, Canada e Messico, e il ritiro dalla Trans-Pacific Partnership (Tpp): uno dei primi atti firmati dal neo presidente americano è stata infatti la firma di un ordine esecutivo per fare uscire gli Stati Uniti dal Tpp, l’accordo commerciale che coinvolge 12 economie tra le due sponde del Pacifico.

 

E se questo sarà il trend dominante nei prossimi anni, la globalizzazione è destinata a cambiare faccia e questo processo potrebbe avere conseguenze importanti sul nostro futuro.

 

Quali sono gli scenari futuri più probabili?

 

Cercheremo di trovare la risposta durante Invenicement Economic Forum, dove esperti internazionali, esponenti del mondo accademico e figure provenienti dal mondo del business potranno confrontarsi liberamente su questa tematica, insieme agli studenti. Seguiteci per aggiornamenti riguardo l’INVEF nella nostra pagina Facebook, e ci vediamo il 6 aprile presso il Campus San Giobbe.

Giacomo Chinellato

 

#ROADTOINVEF

Vicenza e Veneto Banca verso la proroga

‘’Vicenza e Veneto Banca verso la proroga’’ – ‘’sarà l’Antitrust europeo a decidere se le banche sono meritevoli della ricapitalizzazione precauzionale’’ –  ‘’l’ipotesi di fusione è sempre meno scontata’’

(Il Sole 24 Ore)

‘’Veneto Banca e Pop Vicenza in bilico tra ricapitalizzazione e Bail in’’ ‘’BCE: chiusura di alcune banche necessaria’’

(Wall Street Italia)

Le notizie che arrivano ogni giorno ai lettori sono moltissime e a volte molto diverse fra loro. Spesso i giornali cercano solo di fare notizia e di conseguenza danno un’immagine sbagliata di ciò che sta succedendo.

A livello europeo stanno lavorando per risolvere tutte le problematiche riguardanti il settore bancario attraverso la modifica delle normative (Basilea III, Solvency I) ma anche con nuovi criteri per stabilire i requisiti patrimoniali e la valutazione del rischio[1]. Un esempio di nuovi requisiti per tenere sotto controllo il rischio di liquidità sono: l’indice di copertura della liquidità (Liquidity coverage ratio – LCR) e l’indice di provvista stabile netta (Net stable funding ratio – NSFR). Il primo indice è dato dalla divisione tra le attività liquide di elevata qualità e i deflussi di cassa netti nei successivi 30 giorni. Il secondo invece, è il risultato della divisione tra l’ammontare disponibile di provvista stabile e l’ammontare obbligatorio di provvista stabile. E’ previsto che il requisito in termini di NSFR entri in vigore entro il 1° gennaio 2018.

Da un lato la BCE sta cercando di far ripartire l’economia spingendo le banche ad erogare maggiori prestiti, ma dall’altro lato quest’ultime sono poste sotto sempre maggiori restrizioni patrimoniali e di rischio che si riflettono sull’erogazione dei prestiti.

Recentemente con l’operazione Tltro-2 le banche italiane hanno incamerato 62,8 miliardi[2] nonostante le numerose opinioni contrarie alla concessione di ulteriori finanziamenti.

Spesso le banche vengono viste come degli strumenti per far arricchire le solite persone con denaro pubblico, ma in realtà non è sempre così. Esse infatti rappresentano un anello fondamentale per la nostra economia e senza il loro aiuto saremmo ancora nella recessione.

A livello europeo si è di fronte ad un dilemma, da un lato non si può far fallire una banca perché il danno macroeconomico sarebbe superiore di almeno 20/40 volte il denaro necessario per ripianare le perdite, ma dall’altro lato ci si scontra con la politica dell’austerity e con il liberalismo. Insomma, gli aiuti di stato non sono permessi perché falserebbero la libera concorrenza ed in inoltre si vuole fare in modo che i dirigenti ed i manager non continuino a ricevere premi milionari nonostante la disastrosa gestione.

L’opinione pubblica si è mossa molto a tal proposito e le notizie dei giornali non hanno fatto altro che far crescere il mal contento rappresentando un quadro sbagliato e facendo leva su ciò che sta più a cuore ai cittadini in tempo di crisi. Il loro denaro.

I giornali non spiegano dell’interdipendenza finanziaria, le esposizioni finanziarie e i legami che hanno le banche con l’economia reale. Esse possono essere considerate come l’anello che collega il mondo finanziario all’economia reale. Se uno di questi anelli si dovesse spezzare il danno che ne deriverebbe a tutto il sistema sarebbe enorme. Soprattutto in un periodo in cui la liquidità è diventata lo strumento finanziario più importante dopo il Credit Crunch.

La storia può testimoniare questa realtà, il caso Lehman Brother ci ha insegnato molto.

Nonostante ciò non è neanche giusto che il denaro pubblico venga utilizzato (in una piccola parte) a finanziare i compensi dei manager. Per questo motivo le normative stanno cambiando, ma come si sa, il modo per raggirare la legge lo si trova sempre. Soprattutto a livello finanziario[3].

Tornando alla questione delle banche venete, gli interessi in gioco sono troppi. Troppi azionisti, troppi clienti, troppa realtà territoriale e troppe esposizioni da parte di altre banche.

Atlante ha investito miliardi e probabilmente verranno erogate altre risorse. In questo schema si possono osservare le esposizioni delle banche nei confronti di Veneto Banca e Popolare di Vicenza.

Principali Sottoscrittori di Atlante

L’ipotesi di liquidazione comporterebbe miliardi di perdite e migliaia di posti di lavoro andrebbero in fumo danneggiando l’intero territorio. Inoltre, difficilmente Penati permetterà che l’investimento di Atlante venga azzerato e con esso tutti gli interessi dei finanziatori.

Il fabbisogno di 5 miliardi circa per ristabilire i parametri di sicurezza patrimoniale non sono nulla se confrontati con i miliardi necessari per ammortizzare il colpo che ne deriverebbe a livello macroeconomico.

Ovviamente questi due istituti non possono essere mantenuti con risorse pubbliche per sempre, ma bisogna dargli la possibilità di tornare ad essere competitivi.

La strada che verrà scelta è la fusione e la ricapitalizzazione precauzionale (o una forma simile di aiuto di stato volto a raggirare il divieto degli aiuti di stato).

Ciò che non sta permettendo di ristabilire la fiducia è l’informazione pubblica. Notizie su notizie e dichiarazioni che non vengono contestualizzate o che vengono modificate attraverso il linguaggio per creare scalpore. Possono sembrare poco importanti le notizie dei giornali ma in realtà non lo sono perché vanno ad incidere sulla FIDUCIA, asset di fondamentale importanza per una banca.

Ciò può essere testimoniato dal caso della Northern Rock e dalla dichiarazione che fece il redattore capo dell’area economica della British Broadcasting Corporation (BBC) Robert Peston.

Un estratto del libro “Risk management e istituzioni finanziarie” di John C. Hull’

Certo l’informazione deve essere tutelata, ma essa non può andare ad influire così prepotentemente sulla situazione di una banca o di una istituzione perché in questo modo non sta danneggiando solo la banca in questione ma anche l’intera economia reale. Una riforma anche dal punto di vista della comunicazione sarebbe auspicabile. Nel caso delle due Banche Venete, si è creato un vero e proprio buco nero di liquidità dovuto all’imposizione della BCE di bloccare la riserva acquisto azioni proprie. Le notizie hanno comportato il fenomeno dello herd behaviors, ovvero un comportamento a mò di gregge. In queste situazioni tutti vogliono effettuare simultaneamente lo stesso tipo di negoziazione. Ciò ha comportato irreversibilmente un liquidity black holes. In questo caso dovuto ad un crowded exits. Se ciò fosse successo a Unicredit, Intesa o a qualsiasi altra banca, sarebbe riuscita a ristabilire la situazione soltanto con le proprie forze? Guardando al passato ed in particolare ad altri casi simili la risposta sarebbe no.

Quando avverrà la fusione e l’intervento pubblico sarà stato effettuato, il rischio con cui ci si dovrà confrontare è la stessa spirale che ha coinvolto la Northern Rock. Se non si troverà una soluzione o se non si permetterà alla nuova banca di tornare ad essere competitiva, dopo gli svariati miliardi necessari per ricapitalizzarla e per ripianare le perdite (inferiori al danno macroeconomico derivante da un’ipotesi di bail in), lo Stato sarò costretto a cedere la nuova banca per un importo di gran lunga inferiore rispetto al capitale investito.

Il Bail in è uno strumento che serve per intimorire i manager ed i dirigenti, ma che sarà applicato molto difficilmente a meno che non venga contestualmente attuato un piano che vada ad ammortizzare i danni che ne deriverebbero all’economia da una ipotesi di liquidazione, come la riallocazione dei dipendenti in altre istituzioni.

L’Unione Europea ed in particolare la BCE sta facendo moltissimo per rilanciare l’economia e per trovare una soluzione a queste problematiche. La crisi dei mutui subprime è stata una delle più gravi crisi se non quella di maggiore entità. Sicuramente, come ha affermato Mario Draghi: ‘’l’euro ci ha salvati dalla crisi’’, senza tutte le istituzioni e gli organismi che vigilano e studiano l’andamento dell’economia in questo momento avremmo un debito pubblico che non saremmo in grado di restituire.

Nonostante ciò, i problemi strutturali della nostra economia sono ancora molti, le crisi cicliche sono difficilmente contrastabili e tutto il sistema ha bisogno di essere ripensato dal punto di vista della sua logica per garantire maggiore stabilità, efficienza e in parte anche sviluppo. (Recentemente alcuni economisti hanno confutato la necessità di avere perennemente un’economia in crescita).

Matteo Spiller


[1] Risk Management e istituzioni finanziarie, John C. Hull

[2] Il Sole 24 Ore

[3] Risk Management e istituzioni finanziarie, John C. Hull

Il crollo di Deutsche Bank: problemi e futuro della banca tedesca

Il 2016 è stato sicuramente uno degli anni più duri per il colosso bancario tedesco. Le sue azioni quotate a Francoforte hanno perso più del 50% da inizio anno e la capitalizzazione della banca è scesa da 30 a 16 miliardi di euro. Ecco le 3 principali domande (con risposta) per capire cosa sta succedendo.

 

Qual è il problema attuale della banca?

 

Al momento, l’istituto è immerso in una tempesta legale dovuta alla richiesta delle autorità Usa di un risarcimento di 14 miliardi di dollari per la vendita di obbligazioni garantite dai mutui sub-prime, il cui collasso durante la crisi finanziaria del 2008 ha trasformato tali finanziamenti “tossici” in carta straccia. Deutsche Bank nel 2007 era tra gli emittenti più prolifici di questi titoli tossici e la colpa che il Dipartimento di Giustizia americano imputa alla banca è di non aver informato adeguatamente la clientela e il mercato della loro rischiosità.

Ora secondo indiscrezioni gli Usa potrebbero ridimensionare la richiesta a 5,54 miliardi, ma comunque la notizia sopracitata ha portato il titolo a crollare a minimi storici nel mese di Settembre, scivolando per la prima volta in assoluto sotto l’importante soglia psicologica di 10 euro, e scatenando il panico a livello globale. Finché non si arriverà a un’intesa, l’incognita della multa americana continuerà a pesare sulla banca tedesca.

Un successivo crollo è arrivato in seguito alle concordanti indiscrezioni di stampa secondo cui un crescente numero di investitori rilevanti e fondi speculativi americani, soprattutto hedge fund, avrebbero deciso di ridurre o chiudere le loro rispettive esposizioni sulla banca, ritirando i loro fondi (Bloomberg ha riportato che sono circa 10 gli hedge fund che stanno attaccando Deutsche Bank).

 

figura-1

Fig.1 – Deutche Bank’s Share Price | Source: Bloomberg

 

Chiusa la vicenda americana, quindi, Deutsche Bank è a posto?

 

No, per niente. Vi sono sicuramente altri due grossi problemi per DB. Il primo è un problema di derivati, ossia quegli strumenti finanziari generalmente tossici o comunque altamente strutturati il cui valore viene attribuito direttamente dalla stessa banca con ampio margine di discrezionalità, in quanto il prezzo dei suddetti si basa sul valore di mercato di un altro strumento finanziario, definito sottostante, come possono esserlo tassi d’interesse o quotazioni di titoli. Una voce, dunque, di difficile valutazione contabile che mette in fuga gli investitori. L’enorme esposizione a derivati dell’istituto, stimata dalla Banca dei Regolamenti internazionali come superiore ai 50 mila miliardi di dollari, superiore a 15 volte il Pil tedesco, lo rende estremamente vulnerabile. Per questo motivo il Fondo Monetario Internazionale ha considerato potenzialmente DB la prima fonte di choc esterni per il sistema finanziario: in dettaglio, il FMI ha dichiarato che Deutsche è “il più rilevante contribuente netto ai rischi sistemici tra le banche di rilevanza sistemica globale, seguita da Hsbc e Credit Suisse”.

 

figura-2

Fig. 2 – Globally Systemically Important Banks (GSIBs) | Source: IMF – “Germany Financial Sector Assessment Program”

 

Infine un problema che DB condivide con le banche europee: la redditività. I bassi tassi d’interesse e soprattutto i tassi negativi applicati ai depositi delle banche presso la Bce comprimono i margini d’interesse e quindi la capacità di fare ricavi degli istituti di credito, ma Mario Draghi ha respinto tali accuse affermando che la banche europee dovrebbero cambiare radicalmente il modello di business. Sostiene il n.1 della Bce che il più importante fattore che incide sulla redditività non è la politica di bassi tassi d’interesse ma il fatto che l’area euro ha troppe banche, troppe filiali, troppi sportelli, una mattonata di costi fissi i quali con l’avvento della tecnologia che permette di operare da casa incidono inutilmente sul bilancio. Solo nel primo trimestre del 2016 i ricavi aggregati del settore in Europa sono scesi del 9,8% sul primo trimestre del 2015 e i profitti in media hanno subito un calo del 27% (quasi il triplo degli Usa).

 

C’è il rischio che Deutsche sia la Lehman europea?

 

Se c’è è un rischio molto remoto. La banca è ben più sviluppata di quanto fosse Lehman Brothers, ha quasi 2mila miliardi di asset, è molto interconnessa a livello globale e vista la sua indiscutibile rilevanza sistemica, in casi estremi con ogni probabilità la Germania interverrebbe.

Ma la posizione dichiarata di Angela Merkel di non bail out, ossia di non correre in soccorso della banca con un aiuto statale, pur essendo forse una posizione di principio date le nuove regole di bali in di inizio anno e la linea dura che la cancelliera ha avuto con Monte dei Paschi, ha aumentato l’incertezza. Si aspettano news da Berlino.

Notizia non rassicurante è invece l’impennata del Credit Default Swap di Deutsche Bank, ovvero il derivato che indica la possibilità di fallimento della banca.

 

figura-3

Fig. 3 – Deutsche Bank 5-year CDS | Source: Thomson Reuters Datastream

 

La storia è ancora lunga, tutti siamo coscienti delle tremendi lacune che si trovano nel bilancio di DB, ma sappiamo anche che far fallire DB significherebbe avere una Lehman elevata al quadrato, motivo per cui il fallimento è ancora molto lontano.

Giacomo Chinellato


Biblografia

 

[1] Hedge funds pull business from Deutsche Bank – James Shotter, Martin Arnold and Laura Noonan
[2] Understanding Deutsche Bank’s $47 Trillion Derivatives Book – Mike Bird
[3] ECB President Says Crowded Banking Sector Hurts Profits – Todd Buell
[4] No way Merkel can bail out Deutsche Bank, German media say – CNBC
[5] Germany, Financial Sector Assement Program – IMF
Header Article

La visione (sincera?) della Yellen sull’attuale stato del Mercato Americano

figura-1

La scorsa settimana la Yellen ha detto in conferenza stampa che le valutazioni delle azioni non sono lontane dalle medie storiche. In altre parole ha detto che il mercato non si trova in una situzione di ipercomprato.

La realtà empirica sembra però contraddirla in quanto l’attuale Earning per Share medio, uno dei principali multipli azionari, è ai livelli della crisi del 2008. Storicamente questo indicatore è stato superiore al livello attuale solo prima della crisi del ‘29 e della bolla di internet.

figura-3

Nonostate il P/E medio si trovi a livelli molto elevati, il mercato continua ad attestarsi sui massimi storici.

figura-2

Per quanto tempo ancora il trend continuerà ad essere toro?

 

Andrea Ropele

Brexit, Londra e i destini del centro finanziario dell’UE

Dal Big Bang del 1986 all’inaspettato risultato del Referendum, come si è evoluta e come cambierà la City of London?

Dal referendum del 23 giugno, molto si è detto e si è scritto per dare una risposta al vasto numero di domande scatenate dall’inaspettato risultato del voto. La situazione si è in parte chiarita ma molti dubbi e variabili rimangono in gioco, non c’è accordo né sulle cause nè sulle implicazioni politiche generali, e informazioni più comprensive emergeranno solo in futuro, quando il Regno Unito uscira effettivamente dalla UE. La Brexit infatti appare essere il risultato di molteplici e diversi fattori intrecciati tra loro, cerchiamo quindi di capire cosa è successo, cosa è certo e cosa non lo è, riguardo all’uscita del Regno Unito dalla Ue, universalmente giudicato come un fatto destinato ad essere uno dei più importanti del nostro secolo.

Un passo indietro: il Big Bang del 1986

Il primo fattore e il più importante da considerare è la struttura economica del Regno Unito, e soprattutto come si è evoluto negli ultimi decenni. Di fatto, il Regno Unito si è trasformato da Paese prevalentemente industriale e manifatturiero in Paese prevalentemente finanziario, reggendosi soprattutto sugli enormi flussi di capitale in entrata verso la piazza finanziaria di Londra e sui servizi che questa è in grado di fornire a livello internazionale. La data del cambiamento fu il 27 Ottobre 1986, chiamato “Big Bang” perchè tante modifiche riguardo il settore finanziario furono implementate in un solo giorno, modifiche che hanno portato la City of London, centro finanziario della capitale, a diventare rapidamente il centro finanziario più importante del mondo.

Il Financial Services Act del 1986 di Margaret Thatcher, primo ministro del Regno Unito dal 1979 al 1990, prevedeva una totale deregolamentazione dei mercati finanziari, vennero abolite le spese di commissione fissa e la figura dell’intermediario nelle operazioni borsistiche, con la conseguenza di diminuire i controlli e rendere più facile l’attività degli speculatori. Con questo sistema di finanza alterata, la borsa londinese aumentò la quantità di azioni e denaro trattati, ma di contro creò le basi per la futura speculazione finanziaria. Dagli anni della Thatcher, la finanza ha contribuito alla rinascita del Regno Unito più di ogni altro settore, e da manifatturiera, ammuffita e vecchia, Londra ebbe un processo di trasformazione economica rapidissimo. Il Big Bang rese Londra una città completamente aperta, con società estere benvenute e invogliate a creare liquidità nella City.

Perchè il Big Bang è strettamente collegato al risultato del referendum? Lo è perchè questo processo di trasformazione economica di lunga durata, descritto sopra, ha spostato il baricentro economico dell’Inghilterra e quindi del Regno Unito dalle aree di antica industrializzazione del Nord dell’Inghilterra verso le aree incentrate sui servizi e maggiormente integrate a livello internazionale, Londra e il Sud. Non a caso il Sud e soprattutto Londra hanno votato contro Brexit, mentre il resto dell’Inghilterra ha votato a favore.

Il rapporto con l’Unione Europea

Il ruolo finanziario mondiale di Londra, fondato sul fatto di essere interna alla maggiore area economica mondiale, la UE, si basa su un delicato equilibrio. Londra è una piazza finanziaria che attrae banche e investitori da tutto il mondo perchè è inserita nell’Europa ma allo stesso tempo mantiene la sovranità monetaria ed è in grado di svolgere il suo ruolo in modo autonomo, coerentemente con le necessità dei mercati finanziari. La membership con l’Unione Europea ha portato al settore finanziario due benefici chiave, ora minacciati dalla Brexit, ossia l’accesso a lavoratori stranieri qualificati e un pass gratuito per vendere prodotti e servizi attraverso il “single market”.

Ma l’accelerazione del processo di integrazione europea, in particolare la realizzazione dell’unione bancaria e la prossima realizzazione del mercato finanziario unico europeo, hanno messo a rischio questo equilibrio. Londra si sarebbe trovata in minoranza all’interno della UE rispetto ai paesi dell’Euro nella definizione di future regole bancarie e finanziarie. Da qui è nata la mossa di Cameron, che nel corso della campagna elettorale del 2013 promise il referendum, in modo da esercitare delle pressioni su Bruxelles in vista di un accordo tra Regno Unito e Unione Europea. Il referendum nasce dunque come un ricatto, del futuro primo ministro, per salvaguardare gli interessi del suo Paese. E il ricatto funzionò: portò a un accordo, il 18-19 febbraio 2016, tra il governo britannico e quelli degli altri Paesi della Ue, con cui veniva riconosciuto al Regno Unito uno status speciale, ossia la possibilità di difendersi nel caso i Paesi della UE avessero adottato misure, sul piano bancario e finanziario, contrarie ai suoi interessi.

Obiettivo raggiunto per Cameron, la proposta del referendum aveva contribuito al raggiungimento di un accordo favorevole alla City, ma il referendum rimaneva in gioco.

Un risultato inaspettato

Secondo un sondaggio precedente al referendum tra le imprese appartenenti alla CBI, la confindustria britannica, l’80% era contrario all’uscita dalla Ue, il 15% incerto e solamente il 5% favorevole. Nella Federation of small business, associazione di lavoratori autonomi e Pmi incentrati sul mercato domestico, la situazione appariva più equilibrata, il 47% era per rimanere, il 41% per lasciare e l’11% incerto. Insomma, ad essere contrario alla Brexit era soprattutto il grande capitale internazionalizzato, cioè la City, le grandi banche e le imprese più grandi e multinazionali. Viceversa, favorevoli alla Brexit erano, oltre a diversi settori di piccola borghesia (tra cui una quota importante di Pmi), soprattutto i settori più difficoltà delle classi subalterne e del lavoro salariato delle aree più povere dell’Inghilterra, quelli che sono stati colpiti maggiormente dalla trasformazione economica degli ultimi decenni.

Quello che aveva in mente Cameron era di ottenere, sulla spinta dell’accordo raggiunto con l’UE, il respingimento della Brexit. Ma ciò non è accaduto, gli accordi pregressi con la UE sono ora invalidi e la City si trova in una situazione complicata. Il referendum si è quindi trasformato oggettivamente in espressione della contestazione delle classi subalterne delle aree del paese più deindustrializzate e dei settori di imprese meno internazionalizzati nei confronti della riorganizzazione capitalistica.

La Brexit è stata votata (51.9%), ma per ora non è ancora successo nulla. Finché non viene attivato l’art. 50 per la domanda formale di uscita dalla UE, non può iniziare l’iter della Brexit, che comunque sia non sarebbe immediato. In poche parole, il Regno Unito è ancora nell’Unione Europea.

I tempi dell’uscita

Sono previsti due anni di negoziati dal momento in cui il Regno Unito invocherà l’articolo 50 del Trattato di Lisbona. Stando al Sunday Times, la tabella di marcia provvisoria comunicata da esponenti del nuovo governo di Theresa May ai massimi dirigenti della City prevede uno spostamento di alcuni mesi dell’avvio delle procedure di divorzio: il primo ministro e David Davis, ministro per la Brexit, preferirebbero aspettare il risultato delle elezioni in Francia a maggio e in Germania a settembre prima di invocare l’articolo 50.

Ma anche fattori interni rendono necessario ulteriore tempo, dato che Davis ha ingaggiato meno di metà dei 250 esperti di cui avrebbe bisogno. Le complessità della Brexit potrebbero quindi ritardare l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea all’autunno del 2019.

Gli scenari futuri della City

La domanda è qual è ora il futuro per il Regno Unito e per la City of London? Una risposta per ora non c’è. Tutto dipenderà da dove la strada inesplorata della Brexit porterà nei prossimi anni. Gli scenari che potrebbero emergere nel futuro includono un divorzio ostile dalla UE, e quindi un “Big Bang inverso” per quanto riguarda le relazioni con gli Stati dell’Euro con la conseguente focalizzazione sui mercati in crescita dell’Asia e dell’Africa, ma anche un accordo amichevole tra le due parti, che dovranno negoziare le regole del single market e dell’immigrazione. Ognuno di questi scenari potrebbe portare a implicazioni drasticamente differenti per la City.

Il futuro quindi dipenderà dalla misura in cui il Regno Unito è in grado di negoziare una sorta di accordo su misura per accedere al mercato unico e se i suoi cittadini UE troveranno molto più difficile lavorare nella City (l’11% dei lavoratori della City proviene da altrove nell’UE). Pochi tuttavia credono che l’accesso al mercato unico può essere mantenuto controllando allo stesso tempo l’immigrazione (un imperativo per il primo ministro Theresa May).

Nonostante la negatività prevalga, non è sensato sbilanciarsi e prevedere futuri gloriosi (“Big Bang II”) o catastrofici per il Regno Unito. Le prospettive future ancora non si sanno, tutto dipenderà da come verrà negoziata l’uscita.

Giacomo Chinellato


Biblografia

[1] Britain’s Big Bang – Jonathan Brown
[2] How The City Developed, Part Thirteen: The Big Bang – Chris Skinner
[3] Big Bang II: After Brexit, what’s next for the City of London? – Harriet Agnew and Patrick Jenkins
[4] CBI to make economic case to remain in EU after reaffirming strong member mandate – CBI press team
[5] Brexit come crisi dell’Uem e della globalizzazione – Domenico Moro
[6] Brexit ‘will be delayed until end of 2019’ – Aimee Donnellan and James Lyons